Già che sei in piedi

Son sempre stato un pigrone. Lo ero quando ero normodotato, figuriamoci adesso che camminare e stare in piedi mi costa sempre una fatica aggiuntiva rispetto agli altri. Il problema é che mi son scelto una fidanzata che é pigra quanto me (non dico di più ché se no si arrabbia). A casa mia quindi é rischioso alzarsi per fare qualcosa, sia per me che per lei. A furia di sentirsi dire ‘già che sei in piedi’ si rischia di non sedersi più. Dovremo istruire il cane Oliver a far le cose per noi ché lui, son convinto, ne sarebbe contento.

Annunci

1 Response to “Già che sei in piedi”


  1. 1 Shunrei 27 gennaio 2012 alle 14:54

    Mi ricorda quello che ci raccontava il mio prof di Matematica delle superiori (un tipo un po’ particolare… in famiglia, ad esempio, annoverava moglie, 8 figli… e un somaro. Di quelli a quattro zampe, intendo :) ) di suo nonno: diceva che non appena lo vedeva 30 secondi a far niente esordiva con un “Già che sei lì che ti riposi, c’è da fare questo, questo, questo e quest’altro”… diceva che era rischiosissimo anche solo sedersi su una sedia in cucina! XD


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: