Buonanotte

Quando vado a dormire alla sera mi ritrovo nel letto con la mia ragazza (conviviamo), con il cane Oliver (é un topolino da un chilo e mezzo e porta via poco spazio) e i suoi pupazzi, un osso di tessuto, il delfino Flipper, la mucca Vittoria e a volte anche la pecora Dolly. Sembra di essere allo zoo.

Annunci

3 Responses to “Buonanotte”


  1. 1 Raffaella 13 dicembre 2011 alle 00:06

    Ma no, non è uno zoo è l’arca di noè in miniatura. tutti insieme si sta meglio. Un abbraccio e ………..Buona notte a tutti voi Raffaella

  2. 2 Antonella Albanese 13 dicembre 2011 alle 09:48

    E perchè ancora non avete un altro membro della famiglia che si vuole infilare nel lettone! Dopo sì che serve un King Size!! ;)

  3. 3 anton.meli 13 dicembre 2011 alle 22:39

    … ah! Come ti capisco! io ho:

    (il fidanzato orso)
    Melinda (la micia)
    il suo coniglio di peluche
    4 topolini di pelle
    1 topolino di plastica che squittisce
    una casetta di panpepato di cartone con grattatoio incorporato
    un pesce cuccia
    almeno una pallina

    Non è proprio uno zoo ma decisamente più una cuccia che un letto!

    Baci e sopporta.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: