Meglio la pay-TV

Dopo il post di ieri, in cui raccontavo di come avevamo fatto portar via un po’ di macchine che eran parcheggiate sui posti per disabili, e i seguenti complimenti che mi son giunti mi tocca fare una precisazione. Io, fosse stato per me medesimo, non avrei chiamato proprio nessuno ché son un tipo tranquillo e il mio parcheggio comunque l’avevo trovato. E’ la mia ragazza che ha chiamato i Carabinieri. Lei se vede un’ingiustizia va su tutte le furie, le girano quelle cose lì che in teoria non dovrebbe neanche avere e, se può, passa al contrattacco. E come se la rideva al pensiero delle macchine che venivan portate via… Devo ammettere però che lì me la ridevo pure io… E non era neanche la prima volta che ci provava dato che duesettimane fa eravamo stati allo stesso cinema, avevamo visto le solite macchine senza pass disabili e lei aveva chiamato i Carabinieri ma non si eran capiti, era caduta la linea e non era successo niente. Domenica sera li ha fatti uscire e sappiamo com’è andata. Il mio dubbio adesso è: non è che ogni volta che andiam in quel cinema lì finisce per chiamarmi i Carabinieri? Altrimenti mi tocca andar là due ore prima tutte le volte…

Annunci

6 Responses to “Meglio la pay-TV”


  1. 1 4 p 6 dicembre 2011 alle 16:49

    E allora BRAVA FRANCI, vi vedo ridere come due pischelli.
    4 p

  2. 2 minzolini 6 dicembre 2011 alle 18:10

    attento a cosa scrivi LOL

  3. 3 Ariachiara 6 dicembre 2011 alle 18:29

    E secondo me è una scusa… perchè tanto di bei film da vedere non ce ne sono e così vi siete goduti un bello spettacolo a gratisssssss!

  4. 4 Shunrei 7 dicembre 2011 alle 11:33

    In effetti Ariachiara ha ragione… considerato lo standard di certi film, lo spettacolo migliore per passarsi la serata potrebbe essere appunto quello dei Carabinieri che staccano multe e del carroattrezzi in azione! In fondo, cocacola e popcorn si possono comprare lo stesso e portarseli fuori da gustare durante la “proiezione”… ;D

  5. 5 Raffaella 7 dicembre 2011 alle 16:23

    E allora un bene bis a Francy è così che deve essere ienitela stretta stretta è una perla molto rara di questi tempi.Raffaella

  6. 6 L 18 dicembre 2011 alle 13:22

    bravi entrambi! a volte PURTROPPO ci vuole più coraggio a far rispettare i propri diritti che a “usare” quelli altrui… non cedere agli stupidi!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: