Proselitismo

L’altra sera cercavo un parcheggio disabili vicino ad un ristorante ché con la mia ragazza si era usciti per festeggiare. Ho trovato un parcheggio ma era occupato da un furgoncino senza pass. E’ bastato dire una parola a Francesca che mi ha capito subito, é scesa, si é accertata che effettivamente il pass non ci fosse ed ha sollevato i tergicristalli del furgoncino ché anche a lei piace far gli scherzi come a me.

Annunci

4 Responses to “Proselitismo”


  1. 1 4 p 3 novembre 2011 alle 20:10

    Sapessi lunedì sera per andare allo Smeraldo al concerto di Crosby e Nash, cosa abbiamo combinato S. e A. ed io per trovare parcheggio, senza nessun pass, (ci mancherebbe), altro che tergicristalli, quando ci vediamo te lo racconto.
    4 p

  2. 2 Antonella Albanese 4 novembre 2011 alle 10:08

    Lo faccio anche io quando trovo macchine parcheggiate sulle strisce o sulle rampe. E io ho solo un passeggino da spingere con le mie gambe! Sarebbe da rigargli l’auto altrochè!!!

  3. 3 4 p 4 novembre 2011 alle 11:10

    Ah, prima che chissà cosa pensi, non abbiamo rovinato nessuna auto, non siamo mica vandali!!!!
    4 p


  1. 1 Piccoli vandali crescono « Anca Sbilenca Trackback su 16 gennaio 2012 alle 19:55

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: