Magia

Butto la spazzatura negli appositi sacchetti in casa dividendo la carta, la plastica, il vetro, l’alluminio e lo schifo, quello che chiaman umido. Ciclicamente poi i rifiuti scompaiono dagli appositi contenitori che magicamente tornan vuoti. Al tutto ci pensa la mia ragazza ché non si puó mica pretendere che un povero disabile in stampelle butti via la spazzatura.

Annunci

7 Responses to “Magia”


  1. 1 mary 26 settembre 2011 alle 13:46

    E’ una brava donnina che tiene pulito e in ordine la casa per il suo uomo che arriva a casa stanco da lavoro e non deve mettersi anche a buttare via la spazzatura ^_^

  2. 2 neravisione 26 settembre 2011 alle 20:34

    ehm….grazie ma…non direi!!!!è lui che è troppo buono!!

  3. 3 mary 27 settembre 2011 alle 18:50

    e io che ti volevo sostenere :D

  4. 5 ziacris 29 settembre 2011 alle 15:33

    Vuoi mai che un uomo svolga i “lavori umili”? anche il Ferrari è così, pensache mi è rimasto bloccato con la schiena al mare nel prender fuori 2, dico 2, piatti!!!
    Dai che va bene così, sei troppo forti tutti e due

  5. 6 Francesca 29 settembre 2011 alle 23:09

    finchè mi porta a casa a sorpresa la torta che adoro,lava i piatti quando vede che non ne ho voglia,piega la biancheria(anche se appallottola i calzini),io non mi lamento AFFATTO…e poi anche se non lo facesse…io lo amo,che ci pozzo fare <3


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: