Nuove esperienze

Oggi son andato al supermercato ché era da un po’ che non ci andavo. Da quando giro su stampelle non avevo ancora provato a prendere il carrello, solitamente compro poche cose o mi porto un accompagnatore/facchino che le porti per me. Oggi invece volevo provare l’ebbrezza del carrello. Avevo davanti a me tre opzioni:

1) Carrello con la mano sinistra, una stampella nella destra, l’altra dentro il carrello

2) Stampelle in entrambe le mani, carrello spinto con il ventre. Senza mani!

3) Sdraiarmi sul carrello mettendo dentro le stampelle

Ho provato prima la soluzione 1, poi, dopo qualche passo e con sprezzo del pericolo, ho azzardato addirittura la 3 ché volevo guidare meglio.

Direi che me la son cavata bene, non ho fatto incidenti nonostante il traffico pre-pasquale. Sembravo una di quelle persone che non ha mica tanta voglia di far la spesa e che se va in giro annoiata, con i gomiti appoggiati sul manubrio.

Alla cassa, la sorpresa. Non sapevo ci fosse, ci son finito dentro quasi per caso: la cassa con precedenza a donne incinta e disabili. Donne incinta non ce n’erano, quindi toccava a me! La coppietta di anziani in coda mi cha ceduto il posto di malavoglia, chiedendomi se dovevo passare (chissà cosa pensavan che fossì lì per fare…) e sicuramente pensando che proprio mentre c’eran loro in coda doveva saltar fuori un disabile alla guida di un carrello?

Annunci

4 Responses to “Nuove esperienze”


  1. 1 Carlo 22 aprile 2011 alle 21:11

    … han lasciato il posto di malavoglia? Incredibile! Meno male che siamo a Pasqua!!! Incredibile davvero!!

    Ciao Marco, ti auguro delle serene festività pasquali, all’insegna dell’ironia che ti accompagna sempre!!!

  2. 2 Max Dejavù - I viaggi di Maya 27 aprile 2011 alle 13:10

    Le casse prioritarie sono diventate il luogo più divertente della nostra famiglia. A te ti hanno lasciato passare, a mia moglie, pancione dai 5 agli 8 mesi, ne hanno fatte passare di tutti i colori. Da quelli che iniziano a guardare per aria e leggere le etichette dei prodotti pur di non vederti, a quelli che ti dicono “mia moglie è più incinta di lei”

  3. 3 4p 3 maggio 2011 alle 15:34

    Ahahahahahah, ti vedo, o caspita se ti vedo ahahahaha, rido xchè immagino l’alta velocità di tutto ciò.
    …..azz, avanti tuttaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!
    4 p


  1. 1 Porte girevoli « Anca Sbilenca Trackback su 2 giugno 2011 alle 19:25

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Pablic Relescion

Feed

http://www.wikio.it

Un post a caso

Storia di un’anca

Nelle serie di post presenti nella categoria “storia di un’anca” c’è la mia storia raccontata da un punto di vista un po’ particolare, quello della mia anca. Ché detta così suona un po’ strana come cosa ed effettivamente lo è! Ad un certo punto della storia fanno la loro comparsa “i Cinesi” che poi son le cellule del cancro. Le ho chiamate così solo perché son tante, certamente non con un intento discriminatorio nei confronti dei simpatici asiatici. Tutti i post, che poi son le parti di questa storia, si trovan qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: